L’INPS sospende la disposizione del gennaio 2013 per i limiti di reddito degli invalidi civili al 100%

Con il “messaggio” n. 717 del 14 gennaio 2013 l’INPS ha sospeso la propria disposizione relativa ai limiti reddituali per la concessione della pensione di inabilità civile (invalidità civile al 100%).

Fino ad oggi infatti per il limite di reddito era sempre stato considerato quello personale dell’invalido.

Con la Circolare del 28 dicembre  2012, n. 149 l’INPS, sulla scorta di una sentenza della Corte di Cassazione, peraltro neanche a sezioni unite, aveva disposto che dal gennaio 2013 per il limite di reddito si sarebbe fatto riferimento a quello ottenuto cumulando pure il reddito dell’eventuale coniuge. Il risultato sarebbe stato la revoca di numerosissime pensioni e un “grande risparmio” per l’INPS ma, come spesso accade, sulla pelle dei più deboli.

Le proteste erano state a questo punto quasi infinite, anche autorevoli, da qui la sospensione (!?) della disposizione dell’INPS.

Questo è il testo del messaggio: 

In attesa della preannunziata nota ministeriale a chiarimento della complessa materia dei limiti reddituali delle pensioni di inabilità civile ed in considerazione di una interpretazione costituzionalmente orientata degli artt. 12 e 13 della legge n. 118/1971, si ritiene di non modificare l’orientamento amministrativo assunto a suo tempo dal Ministero dell’Interno (circ. Ministero dell’Interno n. 5 del 20.6.1980) e successivamente confermato nel tempo da questo Istituto all’atto del subentro nella funzione di erogazione delle provvidenze economiche per le minorazioni civili. 

Pertanto, sia nella liquidazione dell’assegno ordinario mensile di invalidità civile parziale, sia per la pensione di inabilità civile si continuerà a far riferimento al reddito personale dell’invalido.

Il tenore del messaggio mi pare però attendista: l’INPS starà alla finestra e osserverà se in futuro si porranno in essere condizioni tali da poter riproporre questo provvedimento o similari, salvo provvedimenti governativi o legislativi che mettano un punto fermo in senso positivo.

Per il messaggio INPS in originale ed in formato PDF da qui ==>  Messaggio INPS numero 717 del 14-01-2013

Saluti

Salvatore Nicolosi


 

// ]]>

LIMITAZIONE DI RESPONSABILITA'

Le notizie contenute nel sito sono tenute costantemente aggiornate e ho fatto ogni sforzo per curarne l'esattezza. Tuttavia è possibile che uno o più dei contenuti siano inesatti, nonostante l'attenzione posta.

Il curatore del sito pertanto esorta i visitatori a verificare l'esattezza delle informazioni contenute prima di farne uso e, in ogni caso, le informazioni di carattere sanitario non possono in alcun modo sostituire l'opera di un medico reale il quale è l'unico che può individuare una diagnosi certa e proporre una corretta terapia.

Nessuna terapia o provvedimento diagnostico deve essere intrapreso senza avere prima consultato il proprio medico di fiducia o uno specialista.

Nessuna responsabilità si assume il sottoscritto per l'uso incauto di informazioni contenute nel presente sito.

Nel sito sono presenti collegamenti a siti esterni assolutamente estranei al sottoscritto il quale quindi non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni cagionati dall'uso incauto delle informazioni ivi contenute.

Dott. Salvatore NicolosI