L’Acrodermatite Enteropatica, o deficit congenito di zinco, è una malattia genetica rara provocata da una marcata riduzione della capacità dell’intestino di assorbire lo zinco.

EPIDEMIOLOGIA

La sua incidenza è molto bassa, 1/500.000, e sembra non vi siano differenze di sesso e razza. Anche se spesso in una stessa famiglia sono presenti più fratelli ammalati, la gravità non è costante.

EZIOLOGIA E PATOGENESI

E’ una malattia a carattere genetico con trasmissione di tipo autosomico recessivo e quindi i figli manifestano la malattia se entrambi i genitori trasmettono il gene alterato.

Si ritiene che il deficit genetico sia posizionato nel cromosoma 8q24.3, la cui funzione è quella di codificare per una proteina specificamente addetta al trasporto dello zinco. Questa proteina, chiamata Zip4 si trova specificamente nelle porzioni dell’intestino chiamate “duodeno” e “digiuno” e la sua carenza provoca il grave deficit di assorbimento dello zinco

Di Acrodermatite Enteropatica ne esiste anche una forma “acquisita” per assunzione inadeguata con la dieta che avviene in particolare nei neonati prematuri, clinicamente indistinguibile dalla forma congenita.

Tutto il quadro clinico è provocato da un difetto della funzione di una proteina di trasporto specificamente addetta all’assorbimento intestinale dello zinco, un metallo che entra nella composizione di numerosissimi enzimi, in particolare ad azione antiossidante e catalitica.

QUADRO CLINICO E DECORSO

Le manifestazioni cominciano nei primi mesi, generalmente dopo il 3° mese e fino ad 1 anno e mezzo di età, per lo più dopo lo svezzamento dal latte materno che ha un effetto benefico sull’assorbimento dello zinco, contrariamente al latte vaccino che contiene delle sostanze, chiamate fitati, che rendono più difficile l’assorbimento dello zinco.

I piccoli iniziano ad avere una diarrea profusa, maleodorante ed acquosa con riduzione del peso, anoressia ed irritabilità.

Quindi comincia a manifestarsi una dermatite psoriasiforme che tende a coinvolgere dapprima aree di confine muco-cutanee, quindi periorali, e genitali, poi mani, piedi, aree cutanee flessorie, aree sottoposte a frizione; anche il volto non è esente dall’invasione delle lesioni.

Le lesioni sono polimorfe, a volte ulcerate, più spesso eritemato-squamose e/o ipercheratosiche o crostose. Frequenti onicodistrofia ed alopecia; quest’ultima inizia quasi subito dopo lo svezzamento.

A carico delle mucose si evidenziano stomatiti, cheiliti, congiuntiviti e blefariti.

Spesso si sovrappongono infezioni secondarie da candida o da streptococco che rendono la diagnosi difficoltosa.

In fasi molto avanzate, se la malattia non viene diagnosticata, possono instaurarsi ritardo mentale, disturbi neuropsichiatrici, ipogonadismo con ritardo della pubertà.

Il decorso può essere anche piuttosto lento, ma se non curata, fatalmente conduce al decesso prematuro.

Se curata si assiste ad una normalizzazione del peso e alla scomparsa delle manifestazioni cutanee con prognosi “quod vitam” praticamente normale.

DIAGNOSI

La diagnosi viene effettuata sulla scorta del sospetto clinico e del dosaggio della zinchemia ematica, fortemente ridotta in questa malattia; anche la fosfatasi alcalina è ridotta.

TERAPIA

La terapia consiste in una supplementazione dell’assunzione orale di zinco, da effettuarsi a vita, con particolare attenzione ai dosaggi in epoca di accrescimento per l’aumentato fabisogno.


Testo consigliato:

Harrison. Principi di medicina interna. Con Contenuto digitale (fornito elettronicamente)

(link al libro su Amazon, dove è venduto ad un buon prezzo)

Pagina di ricerca su PubMed.gov per l’acrodermatite enteropatica ==> da QUI

Immagini relative all’acrodermatite enteropatica su PubMed ==> da QUI


Dott. Salvatore Nicolosi

Medico di Medicina Generale convenzionato con il S.S.N.